Fringe Benefits: BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI - Studio Pavoni Brescia
2169
single,single-post,postid-2169,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.3,vc_responsive

09 mar Fringe Benefits: BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI

Sono qui riepilogati il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori – collaboratori

I “fringe benefits” costituiscono la parte della retribuzione cosiddetta “in natura” e secondo l’art. 51.3 per quantificare il valore di detti beni o servizi occorre fare riferimento al valore normale (art. 9 c. 3) con esclusione di autoveicoli, prestiti, alloggi, servizi di trasporto ferroviario e beni prodotti dal datore di lavoro per i quali sono stabilite regole precise alle quali si rimanda nel proseguo della guida.

SPESE RELATIVE A STRUTTURE RICETTIVE

Le spese relative al funzionamento di strutture ricettive sono di regola indeducibili, salvo quelle relative a servizi di mensa destinati alla generalità dei dipendenti.

Il termine “generalità”, riferito ai dipendenti, si contrappone tecnicamente al termine “categoria” di dipendenti. Per “categoria” si intendono, come chiarito dalla C.M. 326/E/1997, ad esempio, i dirigenti, gli impiegati, gli

operai, categorie queste previste dal Codice Civile e, in base a quanto esemplificato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, gli addetti al turno di notte.

Sono ammesse prestazioni sostitutive del servizio di mensa aziendale, quale l’erogazione di buoni pasto.

SPESE RELATIVE A FABBRICATI

I canoni di locazione, anche finanziaria, e le spese di manutenzione dei fabbricati concessi in uso a dipendenti e amministratori sono deducibili nei limiti dell’importo che costituisce reddito per i dipendenti stessi (art. 51 c. 4 lett. c) del Tuir).

Secondo un parere della Fondazione dei Consulenti del Lavoro (n. 1 del 3/1/2011) la deducibilità dei costi relativi all’immobile concesso in uso al collaboratore coordinato e continuativo ovvero a progetto segue le

stesse regole previste dall’art. 95 del Tuir per il lavoratore dipendente.

Sono interamente deducibili le spese relative a fabbricati utilizzati da dipendenti:

– in trasferta temporanea (per la durata della trasferta);

– che hanno trasferito la residenza anagrafica per esigenze di lavoro nel comune in cui svolgono l’attività, per il periodo di imposta del trasferimento e per i due anni successivi.

FABBRICATI E BENEFICIO TASSABILE

Il valore da imputare a retribuzione al dipendente o amministra- tore per fabbricati concessi in locazione, in uso o in comodato si determina come segue (art. 51.4):

Rendita catastale o, in mancanza, canone di locazione in regime vincolato o di libero mercato

+  spese ed utenze non a carico dell’utilizzatore/dipendente

–   eventuale canone corrisposto dal dipendente.

Le spese incrementative ai fini della determinazione del beneficio sono solo quelle non considerate nel computo della rendita.

La C.M. 326/97 precisa “.. in sede di determinazione … delle rendite catastali si tiene conto delle seguenti spese: di ordinaria manutenzione, di assicurazione, di amministrazione del fabbricato, relative ai servizi comuni”.

Per le spese di manutenzione, deducibili nel limite dell’importo che costituisce reddito in natura tassabile per il dipendente (integralmente deducibili se i fabbricati sono concessi in uso ai dipendenti che abbiano trasferito la loro residenza anagrafica per esigenze di lavoro nel comune in cui prestano l’attività) la deducibilità, seppure limitata come sopra, dovrebbe riguardare soltanto quelle di manutenzione ordinaria; quelle di manutenzione straordinaria, invece, dovendo essere capitalizzate a diretto incremento del costo dell’immobile o, se effettuate su beni di terzi, fra i beni immateriali, seguono lo stesso regime de gli ammortamenti.

Eventuali spese sostenute per l’arredamento dell’immobile, sono trattate come benefit in natura e dunque assimilate a reddito di lavoro dipendente.

Per i fabbricati senza rendita definitiva si fa riferimento ad una rendita presunta.

 

Obbligo di dimora  

Se il dipendente ha obbligo di dimora nel fabbricato stesso (es.: custode) il beneficio

tassabile è pari al 30% della differenza di cui sopra. La riduzione al 30% non spetta se il dipendente ha soltanto l’obbligo di dimorare in una certa località (C.M. 326/97).

Qualora l’unità immobiliare sia concessa ad una pluralità di dipendenti, l’importo dovrà essere ripartito fra gli utilizzatori in parti uguali o pro-quota in relazione alle parti di fabbricato a ciascuno assegnate.

ALLOGGIO DI PROPRIETA’ DELL’AZIENDA

CONCESSO IN USO GRATUITO:

1) ad un dipendente o collaboratore (senza obbligo di dimora):

– per l’impresa = le spese inerenti l’alloggio (manutenzioni, utenze) sono deducibili nei limiti in cui vengono considerate retribuzione in natura per il dipendente;

– per il dipendente = diventano reddito la Rendita Catastale (effettiva o presunta) aumentata delle eventuali spese inerenti al fabbricato sostenute dall’impresa (es.: utenze acqua, gas, energia elettrica).

2) ad un dipendente con obbligo di dimora (es. custode, portiere):

– per l’impresa = le eventuali spese inerenti (manutenzione, utenze) sono deducibili nella misura in cui vengono considerate retribuzione in natura per il dipendente.

Ai fini contributivi l’uso dell’alloggio è imponibile in base ad un valore fissato dalla legge;

– per il dipendente = le spese di luce, gas, rifiuti e simili devono restare a carico del dipendente, altrimenti diventano beneficio tassabile.

L’uso dell’appartamento è tassabile per il 30% della R.C..

3) ad un amministratore:

– per l’impresa = può dedursi i costi entro il limite del benefit;

– per l’amministratore = diventa beneficio tassabile la Rendita Catastale (effettiva o presunta) aumentata delle eventuali spese inerenti al fabbricato sostenute dall’impresa (es.: utenze acqua, gas, energia elettrica). L’assegnazione deve essere deliberata in assemblea come compenso per evitare sanzioni penali ai sensi dell’art. 2624 c.c..

ALLOGGIO DI PROPRIETA’ DELL’AZIENDA *

CONCESSO IN LOCAZIONE:

1) ad un dipendente senza obbligo di dimora:

– per l’impresa = il canone di locazione è tassato secondo “criteri catastali”; i costi sono deducibili entro il limite del benefit tassato in capo al dipendente;

– per il dipendente = l’eventuale differenza tra RC + spese a carico dell’impresa e minor canone effettivamente pagato costituisce reddito; se il canone è uguale o maggiore, nessun benefit.

2) ad un dipendente con obbligo di dimora (es. custode, portiere):

– per l’impresa = il canone di locazione è tassato secondo “criteri catastali”; i costi sono deducibili entro il limite del benefit tassato in capo al dipendente;

– per il dipendente = l’eventuale differenza tra RC + spese a carico dell’impresa e minor canone effettivamente pagato costituisce reddito nella misura del 30%; se il canone è uguale o maggiore, nessun benefit.

3) ad un amministratore:

– per l’impresa = il canone di locazione è tassato secondo “criteri catastali”; i costi sono deducibili entro il limite del benefit tassato in capo all’amministratore;

– per l’amministratore = diventa beneficio l’eventuale differenza tra RC + spese a carico dell’impresa e minor canone effettivamente pagato; se il canone è uguale o maggiore, nessun benefit. L’uso del fabbricato deve essere deliberato in assemblea.

ALLOGGIO PRESO DALL’AZIENDA IN LOCAZIONE O LEASING *

CONCESSO IN LOCAZIONE ad un canone inferiore a quello di costo:

1) ad un dipendente:

– per l’impresa = il canone pagato è costo deducibile nei limiti del benefit per il dipendente, quello riscosso ricavo;

– per il dipendente = l’eventuale differenza tra RC + costi a carico dell’impresa e canone pagato costituisce reddito.

2) ad un amministratore:

– per l’impresa = il canone pagato è costo deducibile fino a concorrenza dell’importo che costituisce reddito per l’amministratore, quello riscosso ricavo;

– per l’amministratore = diventa beneficio l’eventuale differenza tra RC + costi a carico dell’impresa e canone pagato. L’uso del fabbricato deve essere deliberato in assemblea.

ALLOGGIO PRESO DALL’AZIENDA IN LOCAZIONE O LEASING *

CONCESSO IN USO GRATUITO:

1) ad un dipendente:

– per l’impresa = il canone è deducibile nella misura in cui diventa reddito per il dipendente;

– per il dipendente = reddito di lavoro dipendente ai sensi dell’art. 51 (corrisposto in natura).

2) ad un dipendente in trasferta (temporanea):

– per l’impresa = è un costo deducibile;

– per il dipendente = non costituisce reddito alla stregua di un rimborso spese.

3) ad un amministratore:

– per l’impresa = il canone è deducibile nella misura in cui diventa reddito per l’amministratore;

– per l’amministratore = reddito assimilato al lavoro dipendente. L’utilizzo deve essere deliberato in assemblea.

L’Iva pagata dall’azienda per l’alloggio, essendo a destinazione abitativa, è indetraibile e l’eventuale somma che il dipendente deve corrispondere è da fatturare in esenzione Iva.

* In merito alla tassazione ed alla deducibilità dei costi si rimanda al paragrafo IMMOBILI – Redditi immobiliari.

ALLOGGIO PRESO IN LOCAZIONE DIRETTAMENTE DAL DIPENDENTE con pagamento del canone da parte dell’impresa; il canone pagato dall’impresa diventa compenso per il lavoratore – dipendente e quindi imponibile sia ai fini fiscali che previdenziali.

 

ALLOGGIO IN USO AL DIPENDENTE IN TRASFERTA TEMPORANEA.

Sono deducibili per l’impresa tutte le spese sostenute per la sola durata della trasferta temporanea. Nessuna tassazione in capo al dipendente.

ALLOGGIO IN USO AL DIPENDENTE CHE HA TRASFERITO LA RESIDENZA anagrafica per ragioni di lavoro nel comune in cui presta l’attività: i canoni di locazione, anche finanziaria, e le spese di manutenzione sono interamente deducibili per il periodo di imposta in cui si verifica il trasferimento e per i due successivi. Per tutto questo periodo, tali immobili sono considerati strumentali. La deducibilità si applica anche per i lavoratori stranieri (R.M. n. 214 del 3.7.2002). Con la medesima risoluzione, inoltre, è stato espressamente riconosciuto dall’Agenzia che la previsione normativa succitata si rivolge sia ai soggetti neo-assunti, sia a coloro che, successivamente all’instaurazione del rapporto di lavoro, debbano trasferirsi in un’altra sede situata in un Comune diverso.

UTILIZZO DI UTENZE INTESTATE ALL’IMPRESA

(luce, acqua, gas, telefono, ecc. – l’Iva pagata è indetraibile ai sensi dell’art. 19-bis/633):

senza riaddebito da parte dell’impresa del costo determinato pro-quota:

1) ad un dipendente: per il dipendente il costo delle utenze costituisce reddito; per l’impresa il costo è deducibile nei limiti del beneficio;

2) all’amministratore: per l’amministratore il costo delle utenze costituisce reddito; per l’impresa il costo è deducibile nei limiti del beneficio;

3) ad un socio: per l’impresa, il costo delle utenze non è deducibile; per il socio si configura distribuzione di utili (attenzione alle responsabilità a carico dell’amministratore).

  • con riaddebito mediante emissione di fattura con Iva: per l’impresa costi e ricavi pareggiano; per il di- pendente o amministratore, nessun beneficio tassabile.

ASSICURAZIONE RC per amministratori, dirigenti e dipendenti –

La R.M. n. 178/E del 9.9.03 conferma che i premi assicurativi pagati per una polizza volta a garantire la copertura dei danni patrimoniali che amministratori o dipendenti dovessero subire in seguito ad azioni di responsabilità esercitate nei loro confronti per atti compiuti nell’esercizio dei loro incarichi e funzioni, non concorrono a formare il reddito di amministratori/ dirigenti/ dipendenti. Per l’impresa i premi pagati sono deducibili.

TELEFONO CELLULARE: vedi § Telefonia

AUTO: vedi § Autoveicoli.

MENSE e buoni pasto: vedi § Mensa – Pasti – Bevande

INDENNITA’ DI TRASFERIMENTO:

i contratti collettivi o gli accordi individuali di lavoro possono prevedere che per il trasferimento definitivo del lavoratore ad altra sede di lavoro, il datore di lavoro corrisponda una somma a titolo di indennizzo; tale indennità sarà imponibile, sia ai fini fiscali che previdenziali, in capo al di- pendente nella misura del 50% con il limite massimo di € 1.549,37, se il trasferimento avviene in Italia e €. 4.648,11, per il trasferimento all’estero.

Il rimborso delle spese eventualmente sostenute dal dipendente, o dai suoi familiari a carico, per il trasferimento (spese di viaggio, trasloco, oneri derivanti dall’interruzione di un eventuale contratto di locazione) non è imponibile a condizione che il datore di lavoro le paghi in modo analitico sulla base di idonea documenta- zione.

Iscrizione gratuita a CORSI DI FORMAZIONE e aggiornamento professionale collegati all’attività:

– per l’impresa = deducibile (interamente nell’esercizio Cass. n. 5193 del 19.4.00);

– per il dipendente = non concorre a formare reddito.

Partecipazione a RIUNIONE FINALIZZATE alla diffusione di messaggi e/o aggiornamenti aziendali con organizzazione collaterale di pranzi, spettacoli o gite:

– per il dipendente = non concorre a formare il reddito imponibile se la riunione rientra effettivamente nell’attività di formazione e quando i costi per pranzi, spettacoli o gite sono marginali; in caso contrario, per l’eccedenza e per la parte attribuibile ad eventuali familiari a carico sono tassabili a costi specifici;

– per l’impresa = la spesa è integralmente deducibile per la parte attribuibile alla formazione ed alle eventuali liberalità corrisposte al dipendente, al coniuge o ai familiari a carico. L’Iva sugli acquisti è detraibile con le limitazioni di cui all’art. 19/633.

Le spese sostenute dall’azienda per mettere a DISPOSIZIONE DEI DIPENDENTI e dei loro familiari opere e servizi per l’educazione, l’istruzione, la ricreazione, l’assistenza sociale e sanitaria, il culto, sono deducibili se non superano il 5‰  delle spese di lavoro dipendente risultanti dalla dichiarazione dei redditi e non costituiscono reddito in capo al dipendente solo se l’utilizzo di suddette opere e servizi si realizza mediante strutture di proprietà dell’azienda (es. circolo ricreativo o sportivo o ambulatorio medico costituito dal datore di lavoro presso l’azienda).

Se il dipendente frequenta un circolo esterno grazie al sostenimento dei costi relativi da parte del datore di lavoro, il relativo beneficio costituisce per il dipendente reddito imponibile (art. 51).

Non costituiscono reddito per il dipendente le somme ricevute alla generalità o a categorie di dipendenti, o ad un terzo soggetto e indirettamente al dipendente, per la frequenza di asili nido, colonie climatiche e borse di studio da parte dei suoi familiari (art. 51). Per l’impresa i costi sono deducibili.

Le CONVENZIONI stipulate dall’impresa con negozi o pubblici esercizi sono imponibili per il dipendente solo quando l’impresa abbia sostenuto un costo specifico. Per l’impresa sono deducibili i costi che formano reddito per il dipendente.

EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DEI DIPENDENTI

L’art. 2 c. 6 del D.L. 93/2008 a decorrere dal 29.05.2008 ha soppresso la previsione che escludeva dalla base imponibile sul reddito da lavoro dipendente le erogazioni liberali e taluni sussidi economici concessi dal datore di lavoro al dipendente; in particolare venivano escluse dalla base imponibile le erogazioni liberali di denaro concesse al dipendente per importi non superiori a € 258,23.

Con questa modifica normativa, le erogazioni liberali concorrono sempre alla formazione del reddito da lavoro dipendente per l’intero importo fatte salve alcune eccezioni previste dall’art. 51.3.

  • Le liberalità erogate in natura (beni o servizi) sono escluse dal reddito di lavoro dipendente solo se di importo non superiore a € 258,23. Qualora l’erogazione superi detto limite concorre alla formazione del reddito per il suo intero ammontare.
  • L’esclusione dal reddito si ha anche se l’erogazione liberale di beni e servizi è concessa ad un unico dipendente non essendo più richiesto che la stessa sia concessa solamente in occasione di festività o ricorrenze alla generalità oppure a determinate categorie di dipendenti;
  • Se l’erogazione liberale viene fatta in di denaro, indipendentemente dall’importo, concorre sempre a formare reddito di lavoro dipendente.
  • In tutti i casi per l’azienda il costo dell’erogazione liberale è deducibile.

TRATTAMENTO IVA:  ALLOGGI DATI IN USO A DIPENDENTI E AMMINISTRATORI

NON è ammessa in detrazione l’Iva relativa all’acquisto, locazione, leasing, manutenzione, recupero, gestione di tutti i fabbricati abitativi (art. 19-bis 1.1 lett. I, Dpr 633), eccetto che per le imprese costruttrici.

Anche in caso di costruzione di capannone con annessa abitazione per il custode (accatastata di solito in A3), l’Iva non è detraibile (C.M. 182/1996).

Se l’impresa percepisce un affitto deve quindi emettere fattura esente Iva art. 10/633 (di regola non entra nel calcolo del pro-rata) con marca da bollo per importi superiori a € 77,47.

I costi relativi alle utenze (luce, acqua, portierato, ecc.) sono considerati “oneri accessori” ai sensi dell’art. 12/633 se addebitati unitamente al canone di locazione.

Il rimborso spese delle utenze, svincolato dal canone, è invece soggetto ad Iva.

L’Iva sulle spese di manutenzione straordinaria sostenute dalla società su immobili dati in locazione ai propri dipendenti non è detraibile (Cass. 14.1.2000).

LIMITI DI  ESENZIONE

Benefit/causa di rimborso

Buoni pasto al giorno €. 5,29
Contributi sanitari annuali all’anno €. 3.615,20
Liberalità (beni e servizi, non in denaro) all’anno €. 258,23
Indennità di trasferimento (in Italia) all’anno €. 1.549,37
Indennità di trasferimento (all’estero) all’anno €. 4.648,11
Azioni gratuite all’anno €. 2.065,83
Trasferte (in Italia) al giorno €. 46,48
Trasferte (all’estero) al giorno €. 77,47

FRINGE BENEFIT CONCESSO AL LAVORATORE: EFFETTI SULL’IMPRESA –

Riepilogo

Tipologia Dipendente Collaboratore
Erogazioni liberali in denaro corrisposte dal datore di lavoro alla generalità o categoria di dipendenti o collaboratori in occasione di festività o ricorrenze indipendentemente dall’importo Piena deducibilità Piena deducibilità
Concessione di sussidi per particolari eventi Piena deducibilità Piena deducibilità
Piccoli prestiti a vittime dell’usura o di richieste estorsive Piena deducibilità Piena deducibilità
Somministrazione in mense aziendali e prestazioni sostitutive Piena deducibilità Piena deducibilità
Prestazioni di servizi di trasporto collettivo Piena deducibilità Piena deducibilità
Opere e servizi volontariamente erogati per finalità di educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale, assistenza sanitaria, culto Nei limiti del 5 per mille dell’ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dal Mod. 770 L’art. 95 disciplina solo l’ipotesi dei dipendenti, è incerta la deducibilità per i co.co.pro.
Somme erogate per asili nido, colonie e borse di Studio Piena deducibilità L’art. 95 disciplina solo l’ipotesi dei dipendenti, è incerta la deducibilità per i co.co.pro
Cessioni gratuite di beni o servizi di valore inferiore a € 258,23 erogati alla generalità o categorie di lavoratori Piena deducibilità Piena deducibilità
Veicoli assegnati in uso promiscuo Il datore di lavoro deduce il 90%dei costi auto data in uso promiscuo (vedi § Auto) La norma non prende in considerazione i co.co.pro.
Prestiti in denaro Interamente deducibile la differenza tra gli eventuali maggiori interessi passivi pagati e i minori interessi attivi incassati Interamente deducibile la diffe- renza tra gli eventuali maggiori interessi passivi pagati e i mi- nori interessi attivi incassati
Fabbricati concessi in locazione, uso o comodato Canoni di locazione anche finanziaria e spese di manutenzione dei fabbricati concessi in uso ai di- pendenti sono deducibili per un importo non superiore a quello che costituisce reddito per i dipendenti a norma dell’art. 51.4 c) L’art. 95 disciplina solo l’ipotesi dei dipendenti, è incerta la deducibilità per i co.co.pro, sulla quale si è espressa con parere favorevole la  Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro (pare- re n. 1 del 3/1/2011)
Fabbricati uso abitazione concessi in uso a dipendenti che abbiano trasferito la loro residenza anagrafica per esigenze di lavoro nel comune in cui prestano l’attività Integralmente deducibili per il pe- riodo d’imposta in cui si verifica il trasferimento e nei due successivi L’art. 95 disciplina solo l’ipotesi dei dipendenti, è incerta la deducibilità per i co.co.pro, sulla quale si è espressa con parere favorevole la  Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro (pare- re n. 1 del 3/1/2011)
Spese di vitto e alloggio sostenute per trasferte effettuate fuori dal territorio comunale Deduzione per un ammontare giornaliero   non   superiore   a   €180,76   (€  258,23   per   trasferteall’estero) Come dipendenti
Rimborso chilometrico auto di proprietà o noleggiata per una specifica trasferta Deducibile nei limiti del costo di percorrenza o delle tariffe di noleggio  relative  ad  autoveicoli  dipotenza non superiore a 17 cavalli fiscali, ovvero 20 se diesel Come dipendenti